Psiconcologia

Reazioni al Trauma e alla Malattia oncologica

La comunicazione di diagnosi neoplastica e delle terapie che accompagneranno la vita del paziente (chemio/radio/chirurgia) spesso di lunga durata, rappresentano eventi traumatici e possono essere fonte di emozioni molto forti e destabilizzanti quali ad esempio paura, angoscia, disperazione, frustrazione, rabbia, senso di impotenza, confusione, disorientamento e incremento della propria vulnerabilità psicofisica.

Considerando la malattia oncologica come evento traumatico, le ripercussioni sulla sfera psico-emotiva possono essere causa di conseguenze di interesse clinico quali i Disturbi d’Ansia, Disturbi dell’Umore, Disturbi dell’Adattamento, Disturbo Post-Traumatico da Stress.

In situazioni di stress traumatico come nella malattia oncologica, la fatica può inoltre incidere sull'equilibrio mente/corpo diminuendo la capacità del sistema immunitario di reagire in maniera adattiva.

Il percorso di cura, spesso lungo e faticoso, richiede un incremento della resilienza e delle abilità di coping personale e interpersonale.

Diventa quindi fondamentale ripristinare e potenziare tutte le risorse personali, utili per sostenere adeguatamente l’impatto della diagnosi, il percorso di trattamento e gli effetti collaterali delle cure.

LA PSICONCOLOGIA

La psiconcologia è nata a metà del 1900 negli Stati Uniti ed ha avuto con continuo sviluppo fino ad oggi. Presso il nostro Centro di Ricerca e Psicoterapia Integrata EMDR l'intervento psicoterapeutico in ambito psiconcologico si avvale di modalità ed orientamenti diversi tra cui l'approccio cognivo-comportamentale, la mindfulness e le tecniche di distensione immaginativa. In questi ultimi anni gli studi di ricerca hanno evidenziato l’efficacia dell’applicazione del metodo EMDR psiconcologico sia su singoli soggetti, sia sui nuclei parentali e terapeutici (personale medico e operatori socio sanitari).

Il Centro di Ricerca e Psicoterapia Integrata EMDR integra le tecniche di intervento evidence-based in un approccio complesso ma ben strutturato, nell’ambito del quale l’EMDR (Eye Movements Desensitization and Reprocessing), rappresenta il principale strumento utilizzato, i cui risultati degli studi di ricerca garantiscono efficacia e solidità nei risultati.

Il trattamento EMDR permette di rielaborare le esperienze connesse alla malattia e alle situazioni disfunzionali pregresse, unitamente al rinforzo delle risorse personali. Agisce sinergicamente sui versanti psicologico-relazionale e neuro-funzionale.

Leggi anche: "Polo Psiconcologico del Centro di Ricerca e Psicoterapia Integrata EMDR"