Nella performance sportiva e artistica

Rafforzamento delle risorse nella performance sportiva
Nel corso degli ultimi anni si sta sempre più diffondendo un nuovo modo di fare sport.
Un modo in cui è sempre più evidente che per avere una performance sportiva ottimale è necessario acquisire la tecnica, ma soprattutto potenziare la capacità di essere resilienti.
L’individuo resiliente riesce a leggere gli eventi negativi come momentanei e circoscritti, a gestire la propria vita e l’ambiente che lo circonda, a raggiungere gli obiettivi che si è prefissato, ad interpretare i cambiamenti come una sfida, un’opportunità. Di fronte a sconfitte, frustrazioni, infortuni, si rialza e ricomincia, continuando a sperare.
La resilienza può essere costruita e allenata e il cervello umano è dotato di un meccanismo di auto guarigione e di resistenza allo stress.

Il modello PIIEC e EMDR applicato allo sport prevede la costruzione di interventi personalizzati finalizzati al miglioramento della performance sportiva in cui vengono l’individuate e il potenziate le risorse, individuati ed elaborati eventuali “blocchi” che impediscono di ottenere la performance desiderata, sino ad “allenare” con la mente i momenti futuri di gare da affrontare.


Rafforzamento delle risorse nella performance artistica

Una buona performance artistica richiede la capacità di esprimersi di fronte ad un pubblico, aspetti che, se non ben gestiti, possono incidere sul risultato.
Il palcoscenico è il luogo in cui l’artista esprime, trasmette il proprio talento ad una platea che appositamente è lì per godere di quel momento, per farsi trasportare dalle emozioni che l’artista riesce a trasmettere.

Il modello PIIEC e EMDR prevedono la possibilità di apprendere strumenti di gestione della tensione e di sviluppare e potenziare le proprie risorse positive con soggetti che desiderano migliorare le loro prestazioni nell’ambito artistico, nelle arti visive o dello spettacolo.

La reattività fisiologica quale ad esempio una sudorazione eccessiva, arrossire o diventare tachicardici ad esempio possono ridurre la performance o essere la “rovina” di un artista dello spettacolo, in questi casi può essere utile apprendere come gestire l’ansia, piuttosto che combatterla, attraverso l’uso di tecniche quali ad esempio il rilassamento progressivo, la respirazione, l’imagery o altro.
In alcuni casi può essere anche utile rielaborare gli schemi disfunzionali legati ad esempio al bisogno di piacere a tutti o di agire con lo scopo primario di ottenere approvazione.

Per attori, musicisti, cantanti professionisti la capacità di gestire le emozioni sul lavoro e di fronte a un pubblico è essenziale.

In sintesi il modello PIIEC e EMDR applicato in questo ambito pone l’attenzione alle prestazioni attuali, accompagna l’artista alla scoperta, sviluppo e potenziamento delle risorse e, ove necessario, a rielaborare eventuali “blocchi” che non consentono di raggiungere l’espressione artistica desiderata.